immagine di testata

header-comune-racalmuto

 

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI

NEWS!  NEWS!    

 


NEWS 

1. Bando 2018 “Sostegno a misure di informazione relative alla politica di coesione dell’UE”

Fonte

GUCE/GUUE C 165/7 del 14/5/2018

Note

La Commissione europea ha pubblicato il bando per il 2018 per il sostegno a misure di informazione sulla politica di coesione dell’UE. Obiettivo primario della call è fornire sostegno alla produzione e diffusione di informazioni e contenuti relativi alla politica di coesione dell’UE, nel rispetto della completa autonomia editoriale dei beneficiari coinvolti.

Le proposte da candidare dovranno illustrare e valutare il ruolo della politica di coesione nel realizzare le priorità politiche dell’UE e nell’affrontare le sfide attuali e future che impegnano l’UE, gli Stati membri, le regioni e le amministrazioni locali. Più specificamente le proposte dovrebbero riguardare il contributo della politica di coesione al fine di:
- stimolare l’occupazione, la crescita e gli investimenti a livello regionale e nazionale, e migliorare la qualità di vita dei cittadini;
- contribuire alla realizzazione delle priorità dell’UE e degli Stati membri, che comprendono, oltre alla creazione di posti di lavoro e di crescita, anche la tutela dell’ambiente, la gestione dei cambiamenti climatici, la promozione della ricerca e dell’innovazione;
- migliorare la coesione economica, sociale e territoriale nell’UE riducendo le disparità tra i Paesi e le regioni dell’UE;
- aiutare le regioni a gestire correttamente la globalizzazione trovando la propria collocazione nell’economia mondiale;
- rafforzare il progetto europeo.

I progetti dovranno avere una durata di 12 mesi (indicativamente con inizio da dicembre 2018/gennaio 2019).

Possono partecipare al bando persone giuridiche, stabilite in uno dei Paesi UE, quali:
- organizzazioni attive nel settore della comunicazione/agenzie di stampa (televisione, radio, stampa, mezzi di comunicazione online, nuovi mezzi di comunicazione e combinazione di diversi mezzi di comunicazione);
- organizzazioni senza scopo di lucro;
- università e istituti d’istruzione;
- centri di ricerca e gruppi di riflessione;
- associazioni di interesse europeo;
- soggetti privati;
- autorità pubbliche (nazionali, regionali e locali) che non siano Autorità di gestione.

Non sono ammissibili organismi appositamente costituiti con l’obiettivo di attuare progetti nell’ambito del presente bando.

Il bando dispone di un budget di 5 milioni di euro. Per ciascun progetto selezionato la sovvenzione UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili e sarà compresa tra 70mila e 300mila euro. La sovvenzione assumerà la forma del rimborso.

La scadenza per presentare proposte è il 28 giugno 2018.

In allegato il testo del bando. Tutta la documentazione per partecipare è disponibile qui


NEWS 

2. Music Moves Europe: pubblicati i primi bandi

La Commissione europea ha pubblicato i primi bandi in attuazione dell’Azione preparatoria “Music Moves Europe: Boosting European music diversity and talent”, l’iniziativa adottata dal Parlamento europeo lo scorso ottobre, con una dotazione di 1,5 milioni di euro, mirata a sviluppare e testare nuove idee e misure che possano contribuire a preparare un futuro schema di finanziamento appositamente destinato al settore musicale da inserire nella prossima generazione di programmi dell’UE post-2020, in particolare all’interno del programma che subentrerà ad Europa Creativa.

Per l’attuazione di “Music Moves Europe” la Commissione ha previsto di lanciare complessivamente quattro bandi: le due call for proposals appena pubblicate e due call for tenders di prossima pubblicazione.

I bandi aperti riguardano rispettivamente:

1) Call for proposals EAC/S18/2018 – Programma di formazione per giovani professionisti del settore musicale
L’obiettivo del bando è sostenere lo sviluppo di programmi pilota di formazione per giovani professionisti del settore musicale. Sarà possibile testare modelli su piccola scala per migliorare la capacità e la resilienza del settore e contribuire alla sua professionalizzazione. Si intende finanziare fino a 10 progetti. Per presentare proposte c’è tempo fino al 27 agosto 2018Scheda informativa dettagliata

2) Call for proposals EAC/S19/2018 – Distribuzione Online e Offline
Questo bando punta a sostenere fino a 10 progetti innovativi di distribuzione online o offline della musica, per promuovere la diversità e accrescere la circolazione del repertorio musicale europeo e la mobilità degli artisti in Europa. La scadenza per presentare proposte è fissata al 10 settembre 2018Scheda informativa dettagliata (in preparazione)


NEWS  

3. Bando MIBACT per il sostegno a progetti dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018

E’ aperto il bando per la richiesta di contributi al “Fondo per il programma di attività in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018”. Il bando, pubblicato e gestito dal MiBACT, si propone di sostenere progetti a carattere innovativo, pluridisciplinari inerenti iniziative nazionali che riflettono la finalità e perseguono gli obiettivi dell’Anno europeo.

Possono partecipare al bando pubbliche amministrazioni, istituzioni culturali e scientifiche, fondazioni, associazioni, società, imprese aventi sede in Italia o in uno dei Paesi dell’UE, ma la cui attività si svolga prevalentemente in Italia.

Possono ricevere sostegno finanziario unicamente le iniziative che abbiano ottenuto la concessione del logo dell’Anno europeo e la conseguente iscrizione nel calendario ufficiale delle manifestazioni.

Il contributo richiesto potrà coprire fino al 50% delle spese documentate e ammissibili dell’iniziativa proposta con un tetto massimo di 10mila euro.

Il bando fissa due scadenze per la domanda di contributo: la prima scadenza, riferita a iniziative attuate, in corso o da attuarsi nel primo semestre 2018, è il 21 maggio 2018, la seconda scadenza è invece il 15 settembre 2018 e si riferisce ad iniziative da attuarsi o avviarsi nel secondo semestre 2018.

Per informazioni più dettagliate e modalità di presentazione della domanda di contributo, scarica il bando.


 

NEWS  

4. Interreg Europe: 4° bando

terreg Europe – Fourth call for proposals

Fonte

Internet

Note

Dal 7 maggio fino al 22 giugno 2018 è possibile presentare candidature nell’ambito del quarto e ultimo bando di INTERREG EUROPE, il programma di Cooperazione Territoriale Europea volto a migliorare l’attuazione di politiche e programmi di sviluppo regionale promuovendo scambi di esperienze e il policy learning fra attori di rilevanza regionale.

Il bando intende sostenere  progetti di cooperazione interregionale inerenti i 4 Assi del programma e i relativi obiettivi specifici. Ciascuna proposta dovrà riguardare uno solo degli obiettivi specifici indicati:

Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione
OS 1.1 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – nel settore dell’infrastruttura e delle capacità di ricerca e innovazione, soprattutto nel quadro delle strategie di Smart Specialisation.

OS 1.2 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – che supportano le catene d’innovazione regionali nelle aree di Smart Specialisation.

Asse 2 Migliorare la competitività delle PMI
OS 2.1 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – attraverso il sostegno delle PMI in tutte le fasi del ciclo produttivo, al fine di stimolarne la crescita e l’impegno nell’innovazione.

Asse 3 - Sostenere la transizione a un’economia a basse emissioni di carbonio
OS 3.1 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – affrontando la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, in particolare nel quadro delle strategie di Smart Specialisation.

Asse 4 - Preservare e tutelare l’ambiente e promuovere un uso efficiente delle risorse.
OS 4.1 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – nell’area della protezione e dello sviluppo del patrimonio naturale e culturale.

OS 4.2 Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – mirati ad accrescere l’uso efficiente delle risorse, la crescita verde, l’eco-innovazione e la gestione delle performance ambientali.

In linea con l’obiettivo generale del programma, tutti i progetti dovrebbero concentrarsi almeno in parte sul miglioramento dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE. Pertanto, in ciascun progetto, almeno il 50% dei policy instrument considerati devono essere programmi dei Fondi strutturali.

Inoltre, nel presentare candidature si invita a tener conto dei progetti finanziati dai tre precedenti bandi INTERREG EUROPE (www.interregeurope.eu/discover-projects) e dei topic maggiormente affrontati. Temi importanti come energia rinnovabile, qualità e gestione delle risorse idriche sono ancora scarsamente rappresentati nei progetti finanziati dai precedenti bandi. Sono anche fortemente incoraggiati progetti che coinvolgono istituzioni e regioni che non sono già coinvolte nei progetti Interreg in corso.

Il bando è aperto ad autorità pubbliche di livello nazionale, regionale e localeenti di diritto pubblico e enti privati non-profit aventi sede in uno dei 28 Paesi UE, in Norvegia e in Svizzera.

I progetti devono essere realizzati da una partnership di almeno 3 organismi provenienti da 3 diversi Paesi ammissibili, di cui almeno 2 provenienti da Stati membri UE.
Il partenariato deve necessariamente coinvolgere le autorità responsabili del policy instrumentoggetto della proposta progettuale . Gli enti privati non-profit e gli organismi provenienti dalla Svizzera non possono essere lead partner di progetto.
Per garantire un’ampia copertura geografica, oltre al requisito minimo di composizione viene posto un ulteriore requisito relativamente alla partnership: la partnership dovrà comprendere almeno un partner proveniente da almeno tre delle quattro aree geografiche indicate al par.8.2 del bando.

Il bando dispone di uno stanziamento di 74 milioni di euro di fondi FESR (+ 280mila euro di risorse norvegesi).
Il cofinanziamento FESR potrà coprire il 75% o l’85% dei costi ammissibili del progetto a seconda dello status dei partner UE coinvolti: se trattasi di autorità pubbliche o enti di diritto pubblico la copertura è all’85%, se enti privati non-profit al 75%. Inoltre, per i partner pubblici italiani è stabilito che il restante 15% di cofinanziamento sia a carico del Fondo di rotazione nazionale (Delibera CIPE n.10 del 28 gennaio 2015).
Il contributo FESR è destinato a coprire unicamente i partner UE, i partner provenienti dalla Svizzera e dalla Norvegia non potranno beneficiare dei fondi FESR ma potranno essere coperti dalle rispettive risorse nazionali.

Si ricorda che il termine per la presentazione dei progetti è il 22 giugno 2018 (ore 12, ora di Parigi).

Le candidature devono essere presentate in inglese, utilizzando l’apposito sistema online (www.iOLF.eu)

 


 

NEWS  

5. Dialoghi transatlantici tra giovani dell’UE e del Canada

EU-Canada Youth Transatlantic Civil Society Dialogues

Fonte

Commissione europea – Sito Web Europa EuropeAid/159496/DD/ACT/CA

Note

La Commissione europea – Cooperazione e Sviluppo Europeaid, nel quadro dello Strumento di partenariato (PI) ha lanciato un bando dal titolo EU-Canada Youth Transatlantic Civil Society Dialogues, per migliorare la comprensione reciproca fra UE e Canada rafforzando le relazioni attraverso contatti people-to-people e coinvolgendo le OSC (Organizzazioni della società civile) in scambi per ampliare e approfondire relazioni e arricchire i flussi di idee per la risoluzione di sfide comuni. I dialoghi avviati saranno complementari col dialogo politico a livello governativo.
In particolare il bando supporterà la cooperazione fra organizzazioni, associazioni e reti dell’UE e del Canada che si occupano di giovani perché possano coinvolgere maggiormente i giovani in processi politici bilaterali di dialogo.

I dialoghi devono riguardare temi compresi all’interno dei seguenti lotti (un progetto deve riguardare un solo lotto):
Lotto 1: Priorità tematica 1: giovani, sicurezza e pace
Sotto-temi:
prevenzione e contrasto dell’estremismo violento: le discussioni dovrebbero concentrarsi sulla costruzione della pace e di società inclusive e sulla protezione e il supporto ai giovani per rafforzare la loro resilienza di fronte all’estremismo violento; dovrebbero inoltre esplorare come sia possibile influenzare le società perché le persone possano crescere bene e perché nessuno sia lasciato indietro
cambiamento climatico: la discussione su questo tema (che può concentrarsi sull’acqua o sulla sicurezza alimentare ed energetica come fattori di una crescente  pressione migratoria, di inasprimento dei conflitti e di messa in pericolo del patrimonio culturale o sulla resilienza della società nel suo insieme) potrebbe contribuire a una comprensione delle sfide che si rivolgono in particolare ai giovani,  di ogni parte del mondo
parità di genere: i giovani sono in una posizione critica per contribuire a una trasformazione verso un mondo in cui le società sono libere da discriminazioni basate sul genere. I giovani, uomini e donne, devono essere messi in grado di sbloccare il loro potenziale. Fra i possibili risultati dei dialoghi su questo sotto-tema ci sono la creazione di una rete/piattaforma/banca dati di un progetto comune per il contatto peer-to-peer, che consente la condivisione di idee e buone pratiche tra i principali stakeholder.

Lotto 2: Priorità tematica 2: mondo digitale
Le discussioni dovrebbero riguardare i vantaggi di una società digitale inclusiva, che beneficia della digitalizzazione, prendendo in esame anche gli aspetti negativi dell’economia digitale e in generale del mondo online, come i discorsi d’odio (hate speech, nei quali il dialogo divisivo può portare a violazioni dei diritti umani ed esclusione), l’alfabetizzazione mediatica e il miglioramento della responsabilità online.

Le azioni finanziate da questo bando non dovrebbero essere di natura puramente accademica, ma dovrebbero coinvolgere un pubblico più ampio; dovranno inoltre presentare approcci innovativi e, attraverso i social media o altri strumenti, dovranno raggiungere un pubblico più ampio rispetto ai beneficiari diretti, consentendo una consultazione e un processo di coinvolgimento a largo raggio.

Sono ammissibili alla presentazione di una proposta progettuale le seguenti categorie di soggetti: ONG, operatori del settore pubblico, autorità locali, università, think tank, organizzazioni (intergovernative) internazionali, stabilite nell’UE o in Canada.

Una proposta deve coinvolgere almeno una organizzazione UE e almeno una canadese in qualità di applicant e co-applicant; i co-applicant devono essere al massimo 3.

Le azioni devono svolgersi sul territorio dell’UE e del Canada.

Il bando beneficia di un budget di 900.000 euro equamente ripartiti fra i due lotti.

Il contributo del programma può coprire fino all’85% (min. 55%) dei costi ammissibili di progetto, per un massimo di 450.000 euro (per ogni lotto sarà finanziato un solo progetto). Non saranno presi in considerazione progetti che chiedano un contributo inferiore a 150.000 euro.

Il bando segue la procedura di presentazione aperta, che implica la presentazione in un’unica soluzione del concept note e della proposta completa di progetto. La Commissione procederà prima alla valutazione concept note e solo per quelli che passeranno questa prima fase sarà valutata anche la proposta completa di progetto.

Sia il proponente sia i partner devono essere registrati nel sistema PADOR e la presentazione delle proposte progettuali deve essere fatta esclusivamente attraverso il sistema elettronico PROSPECT.

La scadenza per la presentazione delle proposte di progetto è il 10 luglio 2018.


 

NEWS  

6. Finanziamento di contributi all’occupazione e tirocini extracurricuolari

FSE Sicilia 2014-2020 – Avviso n. 21/2018 “Per il finanziamento di contributi all’occupazione per i disoccupati di lunga durata” – Asse 1 Occupazione – Obiettivo tematico 8- Priorità di investimento 8i – Obiettivo specifico 8.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 38

PO FSE Sicilia 2014-2020 – Avviso n. 22/2018 “Tirocini extracurriculari” – Asse 1 Occupazione – Obiettivo tematico 8 – Priorità di investimento 8i – Obiettivo specifico 8.5 e Priorità di investimento 8ii – Obiettivo specifico 8.1 . . . . . pag. 38

gurs.regione.sicilia.it/Gazzette


NEWS  

7. Contributi per imprese che ricadono lungo la Strada degli Scrittori

Le domande entro il 7 giugno. Chi può farne richiesta e come.

“Le imprese del settore turistico che ricadono lungo l’itinerario turistico della Strada degli Scrittori potranno beneficiare di contributi fino a 200 mila euro. Potranno realizzare prodotti e pacchetti turistici, materiale multimediale, azioni di web marketing, servizi, purché in rete. E’ una grande opportunità per tutti coloro che operano sul territorio”.

E’ quanto annuncia in una nota l’Associazione “Strada degli Scrittori” precisando che “la Strada degli Scrittori rientra tra gli itinerari culturali oggetto di intervento per la creazione di Reti di imprese finalizzate alla creazione di un prodotto integrato finanziabile con fondi del P.O. Fesr Sicilia 2014/2020”.

Nella nota viene inoltre spiegato che le domande vanno presentate entro al 7 giugno e che possono presentarle le reti formate da almeno 3 imprese costituite e in stato di attività.

“Il territorio della Strada degli Scrittori interessato da questo intervento –  chiarisce il presidente dell’Associazione della Strada degli Scrittori, Felice Cavallaro – si estende per tutto il percorso dell’ex SS 640. Pertanto le imprese che insistono in tali aree e nei percorsi culturali che li comprendono rientrano tra quelli ammissibili”.

Questo il link da cui scaricare i modelli. http://portaleagevolazioni.regione.sicilia.it/sigadipWebPublic/selezioneBandoController.htm

Gli aiuti verranno concessi, sotto forma di contributo in conto capitale e impianti, sulla base della procedura valutativa a sportello.

 


 

 

Bandi e avvisi ANCORA NON SCADUTI:

1. Campo Giovani 2018: pubblicato il bando della Marina Militare

Pubblicato sul sito www.campogiovani.it il bando per la partecipazione ai corsi velici della marina Militare per 300 giovani.

Una vacanza col vento in poppa: dieci giorni indimenticabili al timone di una barca a vela, con la guida e i consigli degli istruttori specializzati della Marina.

I corsi velici, della durata di 10 giorni, sono riservati a 300 studenti delle scuole medie superiori nati negli anni 2001, 2002 e 2003 e si svolgeranno presso l’Accademia Navale di Livorno, la Scuola Sottufficiali di La Maddalena e la Scuola N.M. Morosini di Venezia.

La domanda di partecipazione, corredata dalla documentazione richiesta, deve essere presentata entro le ore 16:00 del 7 giugno 2018.

I particolari della domanda di partecipazione sono riportanti nel Bando.

I corsi hanno lo scopo di avvicinare i giovani al mondo della vela, diffondere il rispetto e la conoscenza del mare e della natura, le regole, i ritmi e tutti quegli elementi che in questa si fondano.

Accademia Navale di Livorno, dal 3 al 13 luglio e dal 17 al 27 luglio;

Scuola Sottufficiali di La Maddalena, dal 3 al 13 luglio e dal 17 al 27 luglio;

Scuola Morosini di Venezia, dal 10 al 20 luglio.

Gli allievi, superata una prova di nuoto iniziale, seguono un corso che si sviluppa seguendo le linee guida della Federazione Italiana Vela. Il corso segue un piano di lezioni teoriche in aula (20 ore) e di uscite in mare sulle barche a vela della Marina (36 ore). Gli istruttori sono scelti tra il personale della Marina con specifica competenza nel settore della vela.

Al termine del corso, in base alla valutazione fornita dagli istruttori, verrà rilasciato agli allievi un attestato di partecipazione riconosciuto dalla Federazione Italiana Vela (F.I.V.), con giudizio finale.

2. Alternanza scuola-lavoro

L’avviso intende qualificare i percorsi di alternanza scuola-lavoro e prevede lo sviluppo di percorsi rivolti a studentesse e a studenti del III, IV e V anno delle scuole secondarie di secondo grado, nonché alle studentesse e agli studenti degli Istituti Tecnici Superiori (ITS).

Sono previste tre tipologie di intervento:

  • progetti di alternanza scuola-lavoro in filiera;
  • progetti di alternanza scuola-lavoro in rete di piccole imprese;
  • percorsi di alternanza scuola-lavoro e tirocini/stage in ambito interregionale o all’estero.

Procedure e norme

 

3. European Youth Together 2018

L’ambito di applicazione delle azioni del progetto «European Youth Together» (Giovani europei uniti) dovrebbe basarsi sull’esperienza acquisita con il progetto «Un nuovo racconto per l’Europa» (1) e con altre iniziative strategiche e programmatiche per la gioventù, volte a promuovere la partecipazione dei giovani alla vita pubblica europea, nonché gli scambi transfrontalieri e le attività di mobilità.
2.1.
Obiettivi generali
I progetti «European Youth Together» mirano a creare reti che promuovono partenariati regionali e a essere gestiti in stretta collaborazione con i giovani di tutta Europa (paesi aderenti al programma Erasmus+). Le reti organizzeranno scambi, promuoveranno corsi di formazione (ad esempio per gli animatori giovanili) e permetteranno ai giovani stessi di elaborare progetti comuni.
«European Youth Together» sosterrà le iniziative di almeno cinque organizzazioni giovanili di cinque diversi paesi ammissibili al programma Erasmus+ per condividere le loro idee sull’UE, incoraggiare una più ampia partecipazione civica e contribuire a promuovere un senso di cittadinanza europea. L’iniziativa mirerà a riunire i giovani europei di tutta Europa: est, ovest, nord e sud.
Le priorità tematiche sono la cittadinanza attiva, la creazione di reti, i valori e la cittadinanza europei, la partecipazione democratica, la resilienza democratica e l’inclusione sociale per i giovani.
2.2.
Obiettivi specifici
L’iniziativa sosterrà in modo specifico:

la promozione e lo sviluppo di una cooperazione più strutturata tra le diverse organizzazioni giovanili per creare o rafforzare partenariati;

le organizzazioni giovanili coinvolte in iniziative volte a incoraggiare la partecipazione dei giovani al processo democratico e alla società, organizzando corsi di formazione, mettendo in evidenza i punti in comune tra i giovani europei e incoraggiando la discussione e il dibattito sul loro legame con l’UE, i suoi valori e le sue fondamenta democratiche. Ciò comprende l’organizzazione di eventi in vista delle elezioni per il Parlamento europeo del 2019;

la promozione della partecipazione dei gruppi di giovani sottorappresentati alla vita politica, alle organizzazioni giovanili e altre organizzazioni della società civile, coinvolgendo i giovani vulnerabili e svantaggiati sul piano socioeconomico.
Si rivolge a ONG giovanili, organismi pubblici e gruppi informali di giovani che proporranno progetti che coinvolgano almeno cinque partner. Tali partner dovranno essere in grado di mobilitare i giovani in partenariati che coprono diversi paesi e regioni nell’ambito dei paesi aderenti al programma Erasmus+.
3.
CRITERI DI AMMISSIBILITÀ
Le candidature che soddisfano i seguenti criteri saranno oggetto di una valutazione approfondita.
Sono ammissibili esclusivamente le domande presentate da persone giuridiche aventi sede in uno dei paesi aderenti al programma (2).
3.1.
Candidati ammissibili
Le organizzazioni partecipanti possono essere:

organizzazioni senza scopo di lucro, associazioni e ONG e ONG giovanili europee;

imprese sociali;

enti pubblici a livello locale;

enti pubblici a livello regionale o nazionale;

associazioni di regioni;

gruppi europei di cooperazione territoriale;

organismi a scopo di lucro attivi nell’ambito della responsabilità sociale delle imprese
con sede in un paese aderente al programma Erasmus+.

https://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/funding/european-youth-together-eacea162018_en

4. Premio Gaetano Marzotto per startup innovative

Apre il bando dell’ottava edizione del Premio Gae-tano Marzotto, aperto a nuovi imprenditori che sia-no in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Un percorso volto a sostenere le PMI inno-vative e le startup in uno spirito di condivisione tra grandi aziende e giovani imprese innovative. Due i bandi: Premio per l’impresa e Premio dall’idea all’impresa, rivolti rispettivamente il primo a società costituite con o un fatturato di almeno 100.000 euro o un partner finanziario o industriale (fatta eccezione per le società del settore bio/med/lifescience/healthcare) con un riconoscimento in denaro di 300.000 euro; il secondo a startup innovative, con un riconoscimento in denaro di 50.000 euro. In palio, attraverso la partecipazione ai due bandi, oltre 30 percorsi di affiancamento offerti dalla rete di incubatori e parchi scientifici e tecnologici affiliati e diver-si Premi Speciali promossi dalle corporate partner. Le idee proposte devono essere originali, innovative e attuabili, finanziariamente sostenibili e in grado di generare ritorni economici. La partecipazione è gratuita, con application in lingua inglese.
Scadenza: 14 maggio 2018.     www.premiogaetanomarzotto.it

5. Agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura

Le domande di partecipazione potranno essere presentate mediante lo sportello telematico a partire dalle ore 12:00 del giorno 28 marzo 2018 fino alle ore 12:00del giorno 11 maggio 2018.

6. Bando di selezione per l’accesso ai servizi di accelerazione di Cre.Zi. Plus.

Il Bando si rivolge a singoli o team che intendano sviluppare progetti innovativi nell’ambito dell’industria culturale e creativa, e che vogliano accedere al percorso di empowerment imprenditoriale e di accelerazione offerto da Cre.Zi Plus.
Saranno selezionati 15 team di innovatori e/o startup ai quali sarà concesso un voucher del valore di 10.000 Euro da utilizzare per l’accesso ai servizi di accelerazione attivi presso Cre.Zi. Plus.

Destinatari del bando
Possono presentare la domanda:
• startup la cui iscrizione, in forma di impresa individuale o di società, sia avvenuta nel corso dei 36 mesi precedenti la data di presentazione della domanda e che rispettino le caratteristiche delle Micro Imprese così come definite a livello comunitario (numero di dipendenti inferiore a 10 e fatturato o bilancio annuo inferiore a 2 milioni di euro).
• persone fisiche che intendono avviare un’attività imprenditoriale sotto forma di impresa individuale o di società.

Percorso di accelerazione
Il programma di accelerazione è articolato in percorsi individuali e sessioni collettive per una durata totale di 3 mesi.
Durante tutto il periodo di accelerazione, gli aspiranti imprenditori e le startup selezionate potranno usufruire di una postazione in coworking e dell’accesso a spazi operativi, adeguatamente attrezzati, presso Cre.Zi. Plus.

Le candidature possono essere presentate dal 20 Marzo 2018 al 30 Novembre 2018

Ecco pochi, semplici passaggi PER PARTECIPARE:

1) SCARICA IL BANDO B.Cre.Zi. >> QUI <<

2) Studia il modello di application form per preparare la tua candidatura

3) Studia questo modello per elaborare le tue slide di presentazione dell’idea

4) COMPILA L’APPLICATION FORM >> QUI <<